Compito di realtà: “La manipolazione dell’informazione”

L’ARTE DI NON LASCIARSI MANIPOLARE

della classe IV DS.

“ Io credo che tutto ciò non sia umano. Eppure, accade ogni giorno, continuamente, e noi ce ne accorgiamo solo quando diventa notizia….”

Queste sono le parole di Pietro Bartolo, tratte dal libro “Lacrime di sale” , scritto insieme a Lidia Tilotta, giornalista della RAI e del Tgr Sicilia, che si è interessata alle struggenti storie di alcuni dei tanti migranti, scappati dalla guerra o dalla fame, e accolti dallo stesso Bartolo, medico presso il poliambulatorio di Lampedusa, occupatosi per lungo tempo del primo soccorso ai migranti.

Noi alunni della classe IV Ds, nell’ambito delle riflessioni e del dibattito seguito alla lettura delle pagine del libro, durante le quali abbiamo avuto modo di confrontarci tra noi e con la prof. Elena Pina Scala, che ci ha guidati nella lettura del libro, ci siamo interessati particolarmente alle modalità con le quali giornali e telegiornali ci presentano le notizie. Così, facendo un approfondimento sulle tecniche di manipolazione dell’informazione utilizzate dai mass media e dai social network, abbiamo capito quanto queste siano ricorrenti ogni giorno in TV e come sia indispensabile riconoscerle e difenderci con consapevolezza e senso critico.

Attraverso i lavori multimediali realizzati vogliamo comunicare e rendere consapevoli tutti della VERA realtà che si nasconde dietro informazioni troppo spesso manipolate e “fake news”

Riportiamo di seguito i lavori di gruppo presentati:

Video realizzato da Cavallaro Roberta, De Luca Tommasina, De Palma Fabio, Falco Fernanda, Mascolo Matteo, Vacchiano Veria

Video realizzato da Ardolino Olimpia; Dell’Anno Siria; Fasulo Caterina; Gargiulo Angela; Perna Noemi; Perrotta Maria Francesca
Video realizzato da Barbato Carmine, Candela Francesco, D’Aloia Giuseppe, Napolitano Carmine, Russo Felice
Video realizzato da Peritore Antonietta e Pizza Valentina
Video realizzato da Ardolino Maria Pia, Barbato Maria, Crispo Vera, Profeta Fabiana, Serpico Nunzia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *